Segnalazione di Errore

X
Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.
Privacy Policy Accetta e prosegui
Sei un dentista?

"SmileMate", la app per la prevalutazione del tuo sorriso a distanza

Gli studi dentistici diventano sempre più "hi-tech" e, per la "Fase 2" dell'emergenza sanitaria, propongono ai pazienti un primo consulto virtuale

Caratteri disponibili: su 1000

I tuoi file:
  • X
  • X
  • X
Rating Lettori | Rating attuale: 5/5 (1 voti)
Vota!
  • Introduzione allo strumento digitale “hi-tech”
  • “SmileMate”: come funziona
  • Prevalutazione a distanza: i vantaggi
  • Chi è “Dental Monitoring”
 
“Un giorno senza sorriso è un giorno perso” (Charlie Chaplin).
 
Hai bisogno di una prima valutazione del tuo sorriso, ma preferisci non spostarti da casa?
Da oggi, questo è possibile, grazie a quei dentisti che hanno deciso di ripensare i loro studi guardando al futuro, scegliendo le soluzioni tecnologiche di screening più innovative. Come “SmileMate”, uno strumento digitale “hi-tech” che si basa sull’Intelligenza artificiale e che permette di effettuare delle consulenze virtuali a distanza. Al paziente basterà scaricare l’applicazione sul cellulare e scattarsi delle foto del proprio sorriso, per ricevere una valutazione affidabile e immediata direttamente a casa. La soluzione pensata per rimandare, almeno in un primo momento, gli incontri a studio, è infatti ideale in questa prima fase di ripartenza dopo essere stati in “lockdown” per il Coronaviurs, la grave pandemia che ha colpito il Pianeta, causando in Italia e nel mondo la perdita di migliaia di persone anziane. La teleodontoiatria – come la consultazione virtuale “SmileMate” – è quindi utilissima: la prevalutazione del cavo orale dei pazienti con la visita specialistica da remoto è una risposta efficace per prevenire la diffusione dei contagi da Covid-19. La prima cosa da sapere, se si sceglie di ricorrere a “SmileMate”, è che l’Intelligenza artificiale è solo uno strumento in più a disposizione del medico e dell’assistito, senza nessuna velleità di sostituire la figura del dottore. Questo resta infatti l’unico interlocutore nello scambio di informazioni che si mette in pratica attraverso il dispositivo mobile.  L’applicazione è utilizzabile sia da nuovi pazienti, che da chi è già cliente dello studio odontoiatrico che ha scelto di usare “SmileMate”. La portata dello strumento digitale “hi-tech” è rivoluzionaria, per la sua immediata e intuitiva usabilità da parte di chi, oltre al sorriso, sceglie di avere un’attenzione in più verso la propria sicurezza personale, evitando di uscire di casa. In questa fase di emergenza sanitaria in cui dobbiamo convivere con il Coronavirus, infatti, ogni situazione di contatto può essere rischiosa. Anche se, è importante saperlo, gli studi medici hanno adottato tutte le misure previste dai protocolli sulla sanificazione e sui dispositivi di protezione personale, per medici e pazienti. Effettuare una prevalutazione a distanza necessita di pochi strumenti, tra cui: il sito web attivato dallo specialista, ma anche la app scaricata sullo smartphone del paziente, che viene trasformato per l’occasione in un dispositivo remoto di scansione per scattarsi le foto del suo sorriso.

 
“SMILEMATE”: COME FUNZIONA

Il processo su cui si basa la consultazione virtuale “SmileMate” è semplice e intuitivo. Gli step da seguire sono cinque e, come detto, sfruttano un sistema di “Intelligenza artificiale” che supporta l’ortodontista, senza nessuna velleità di sostituirlo. Nella “Fase 1” l’assistito clicca sul widget (o icona) della app “SmileMate”, collegata allo studio medico che si è dotato del sito. In quella successiva il paziente crea un profilo personale e scatta cinque foto intraorali con lo smartphone (queste vengono registrate sul portale grazie al plugin di consultazione virtuale). Nella “Fase 3” l’Intelligenza artificiale compone un report completo e personalizzato (sul sito del dentista), e suggerisce un’opzione di trattamento generata automaticamente dal motore di “IA”. Nello step successivo il dentista valuta le indicazioni ricevute e lo stato di salute del cavo orale del paziente e, scrive, subito dopo, il referto definitivo sul portale, aggiungendo a esso tutte le raccomandazioni che ritiene necessarie. Infine, con la “Fase 5”, l’analisi clinica arriva attraverso “SmileMate” al paziente, che ne ha l’accesso automatico.
 

PREVALUTAZIONE A DISTANZA: I VANTAGGI

Lo strumento che permette di effettuare un primo screening a distanza, rimandando la visita in uno studio dentistico a un momento successivo, è offerto dall’azienda francese “Dental Monitoring” che lavora in tutto il mondo per offrire assistenza smart e intelligente agli ortodontisti e odontoiatri. Tra i vantaggi che offre questa soluzione “hi-tech” c’è innanzitutto la tutela della sicurezza personale, scongiurando ogni possibilità di rischio contagio del virus, specie per la popolazione d’età più avanzata, che è la più colpita dal Covid-19. Ma non solo: con le visite da remoto si riduce il tempodi attesa per gli appuntamenti e, ancora, si fornisce un trattamento migliore al paziente, seguito costantemente nella fase di valutazione. Con l’Intelligenza artificiale si completa, poi, la digitalizzazione dello studio dentistico, per parlare anche il linguaggio della generazione dei Millennials. “SmileMate” resta comunque uno strumento creato per essere fruibile da tutte le fasce d’età, essendo intuitivo e facilmente utilizzabile.
 

CHI È “DENTAL MONITORING”

 
L’azienda è stata fondata nel 2015 da Philippe Salah ed è la prima a basarsi sull’IA (che sta per Intelligenza artificiale) e a rivolgersi specificatamente alle esigenze dei professionisti del settore dentale. Il software “DM” è stato progettato per assistere il paziente in tutto il percorso che riguarda la cura del suo sorriso: prima del trattamento, come per “Smile Mate”, ma anche quando questo è stato avviato (come nel caso di chi ricorre alle mascherine invisalign, per riconquistare gradualmente un allineamento dei denti perfetto). L’azienda che ha lanciato “SmileMate” per aiutare i medici a garantire l’assistenza – a distanza – ai loro pazienti, opera attualmente in Europa, Stati Uniti e nell’area dell’Asia-Pacifico e impiega un team di circa 250 dipendenti nei suoi cinque uffici situati tra Parigi, Austin, Londra, Hong Kong e Sydney.