Segnalazione di Errore

X
Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.
Privacy Policy Accetta e prosegui
Sei un dentista?

Ortodonzia Linguale: le due tipologie di apparecchi

L'apparecchio ortodontico linguale è un apparecchio fisso che viene posizionato nella parte interna dell'arcata dentale. Il suo principale vantaggio è estetico, risultando invisibile all'esterno.

Caratteri disponibili: su 1000

I tuoi file:
  • X
  • X
  • X
Rating Lettori | Rating attuale: 5/5 (9 voti)
Vota!
L’ortodonzia linguale è nata in anni relativamente recenti, come risposta al malessere, ben noto a ogni dentista per bambini e non solo, che manifestano i piccoli e grandi pazienti bisognosi di riallineare i denti. L’apparecchio fisso di tipo tradizionale, infatti, essendo montato nella parte esterna del dente, crea un oggettivo disagio in chi lo porta, bruttino com’è. È per questo che negli ultimi anni un numero sempre maggiore di persone ha intrapreso, nel caso di malocclusioni o denti storti, una terapia basata sull’ortodonzia invisibile linguale.
L’apparecchio ortodontico linguale è utile per la correzione del disallineamento dei denti o delle malocclusioni mandibolari più o meno gravi. La durata del trattamento varia in base alla complessità del caso.
 
Tale tecnica concilia ottimamente cura dei denti ed esigenze sociali. L’ortodonzia linguale, eseguita da un dentista di riconosciuta professionalitàha infatti tanti vantaggi. Il primo è ovviamente quello estetico, ma c’è da aggiungerne un altro: questo metodo non rischia di danneggiare lo smalto dentale, e non comporta quindi nessuna controindicazione. A seconda del caso, può essere preferibile rispetto all’ortodonzia invisalign oppure no, sarà ovviamente l’odontoiatra a stabilirlo.
 

Ortodonzia linguale: le due tipologie di apparecchi

Il tuo dentista in zona, una voltastabilità la necessità dell’ortodonzia linguale, può decidere quale delle due apparecchiature disponibili usare:
  • apparecchio linguale senza attacchi, cioè che rimane in sede grazie a un filo metallico (formato da tanti sottilissimi fili intrecciati tra loro), incollato con una resina direttamente sui denti all’interno dell’arcata dentale;
  • apparecchio linguale con attacchi, sempre posizionato all’interno dell’arcata dentale e che prevede l’ancoraggio del filo metallico ai denti attraverso degli attacchi metallici (piastrine).
L’unico svantaggio dell’ortodonzia linguale è quello di risultare sicuramente più difficile da montare rispetto a quella classica, vista la posizione meno favorevole dove bisogna collocare gli attacchi. Nonostante questo, è largamente impiegata nei centri dentistici perché, oltre ai vantaggi già visti, non necessita di cure o attenzioni particolari, e garantisce ottimi risultati.

Infine, parliamo dei prezzi del dentista che si avvale dell’ortodonzia linguale. Sono, ad oggi, ancora un po’ più alti rispetto a quelli richiesti per un apparecchio correttivo classico. La ragione risiede proprio nella particolare abilità richiesta al professionista della clinica dentale che si approccia a questa tecnica.

La soluzione possibile è rivolgersi a noi, che offriamo tariffe convenienti per conciliare le tue necessità con il preventivo del dentista. Ricorda, scegliendo uno dei nostri dentisti online sei sicuro di fare la scelta migliore!
 

Richiedi un Preventivo