Segnalazione di Errore

X
Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.
Privacy Policy Accetta e prosegui
Sei un dentista?

Laser per Parodontite, per chi soffre di gengive infiammate e sanguinanti

Per accostare fra loro questi due termini: laser e parodontite, bisogna prima avere ben chiaro il significato delle singole parole. Vediamo di approfondire l'argomento, per valutare l'utilità di questo strumento in caso di piorrea.

Caratteri disponibili: su 1000

I tuoi file:
  • X
  • X
  • X
Rating Lettori | Rating attuale: 5/5 (7 voti)
Vota!
La parodontite, “vecchia conoscenza” di ogni dentista, è una grave infiammazione cronica del parodonto, in genere rappresentata dalla naturale evoluzione allo stadio più grave della gengivite trascurata. Se non trattata adeguatamente, può provocare danni anche irreversibili come la perdita dei denti. Il laser (Light Amplification by Stimulated Emission of Radiation - amplificazione di luce attraverso emissione stimolata di radiazione) è un dispositivo capace di emettere un fascio di luce monocromatico, molto intenso e perfettamente rettilineo. Di tale luce si sfrutta la potenza energetica. È uno strumento molto versatile, per questo impiegato in parecchi ambiti. L’odontoiatra lo usa come un bisturi di altissima precisione.
 
Questo strumento innovativo ha modificato moltissimo, negli ultimi anni, l’approccio in odontoiatria alla cura della parodontite. I suoi vantaggi consistono nel darela possibilità di ridurre al minimo l’invasività d’intervento, aumentando al tempo stesso la capacità di arrivare alle tasche gengivali più profonde e alle localizzazioni particolarmente difficili, per l’eliminazione dei batteri e la rimozione selettiva dei tessuti infetti, preludio indispensabile alla guarigione.
Un altro suo pregio è che diminuisce anche la portata del sanguinamento gengivale, inevitabile, altrimenti, per la malattia e anche per le manovre effettuate su gengive già infiammate durante la disinfezione. Per finire, ha cura dei denti, ossia non crea loro nessun tipo di problema nel corso dell’intervento, cosa non sempre possibile con altre metodiche.
 

Laser per parodontite: ecco come funziona

La nuova terapia oggi comune nei centri dentistici, rivoluzionaria ed estremamente efficace, utilizza l’alta potenza dell’energia del laser per penetrare in profondità all’interno dei tessuti, e andare così a distruggere in maniera selettiva i batteri patogeni. Questo senza provocare, però, alcun danno al tessuto gengivale. Inoltre, creando una biostimolazione profonda, velocizza il processo di guarigione dei tessuti oggetto di infiammazione, promuovendo la rigenerazione dell’osso e del tessuto gengivale.

Tipi di laser per parodontite

I tipi di laser principalmente utilizzati dal professionista della clinica dentale sono due: uno più adatto a raggiungere i tessuti duri (ossa e denti) e l’altro più adatto ai tessuti molli (gengive e mucose).
 
Questa terapia non chirurgica e indolore, eseguita, infatti, senza anestesia, rappresenta una valida alternativa all’approccio classico nel trattamento della parodontite, che, è sempre importante ricordare, è una patologia caratterizzata da una lenta progressione. Lenta ma inesorabile: anche in assenza di sintomi particolarmente evidenti o dolorosi del processo infettivo-infiammatorio, questo progredisce. Il risultato è una perdita graduale, ma crescente, dell’apparato di sostegno dei denti.
Inoltre, essendo un’infezione polimicrobica, cioè provocata da più microrganismi, la patologia è difficile da sconfiggere esclusivamente con la terapia farmacologica. L’utilizzo del laser diventa quindi una validissima opzione per portare alla guarigione dell’infezione.
 

Terapia laser per parodontite: i vantaggi

Ci sono, in conclusione, numerosi e importanti vantaggi nell’usare il laser per la piorrea. Il tuo dentista in zona può spiegarti che sono:
  • completa assenza di incisioni e suture;
  • trattamento non doloroso;
  • recupero immediato del paziente;
  • assenza di sanguinamento gengivale;
  • risultati duraturi nel tempo;
  • trattamento veloce che richiede pochissime sedute;
  • assenza di modifiche estetiche;
  • stimolazione della rigenerazione dei tessuti: biostimolazione;
  • trattamento particolarmente indicato per quei pazienti che presentano controindicazioni all’anestesia, o che soffrono di specifiche patologie rischiose nella chirurgia convenzionale.
A questo punto lo avrai capito: se hai sintomi di parodontite, non aspettare, contatta il dentista online prima di incorrere in danni irreparabili!

 
Richiedi un Preventivo