Segnalazione di Errore

X
Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.
Privacy Policy Accetta e prosegui
Sei un dentista?

Per uno dei tuoi denti non c'è più speranza e l'estrazione è l'unica soluzione?

Allora affidati a mani esperte...contatta uno dei nostri dentisti! Come puoi immaginare, infatti, occorre un professionista qualificato ed esperto nella cura dei denti.

Caratteri disponibili: su 1000

I tuoi file:
  • X
  • X
  • X
Rating Lettori | Rating attuale: 4.6/5 (9 voti)
Vota!
Quando un dente, per motivi patologici, viene rimosso dall’alveolo (cioè la sua sede naturale, nella cavità ossea mandibolare o mascellare) dal dentista attraverso una procedura chirurgica, allora possiamo dire che si è proceduto all’avulsione o estrazione di quel dente.
 
Ovviamente il tuo dentista in zona procederà a tale intervento solo se si rivelerà di effettiva necessità, dopo aver, eventualmente, tentato trattamenti conservativi mirati alla salvaguardia del dente stesso. Quindi se sarà possibile curerà la carie o il granuloma che infetta il dente, nel caso anche tramite devitalizzazione o apicectomia. Questo ti risparmierà anche la necessità di un futuro intervento di implantologia e annessi rincari del preventivo del dentista.

Estrazione di un dente: ecco le cause

Ma allora quando è assolutamente necessario estrarre un dente? 

Di solito, l’odontoiatra della clinica dentale a cui ti sei rivolto procede a tale intervento nei seguenti casi:
  • carie profonde;
  • pulpiti non trattabili;
  • parodontite avanzata;
  • granuloma;
  • ascessi periapicali;
  • denti scheggiati, rotti o fratturati, non recuperabili;
  • affollamento dentale;
  • mancata caduta dei denti da latte;
  • inclusione dentale.

Estrazione dentale: ecco come avviene

Ed ora analizziamo le tecniche d'intervento di estrazione di un dente. Sono essenzialmente due:
  • estrazione sempliceè un intervento molto comune, effettuato in anestesia locale ed eseguito su denti rotti. Il dentista dopo l’anestesia lavora alla rimozione del dente con appositi strumenti, quali elevatore e pinza, e conclude l’estrazione con o senza punti di sutura.
  • Estrazione chirurgicaè un intervento più difficile e articolato eseguito su denti inclusi, cioè completamente o parzialmente coperti dalla gengiva. L’intervento richiede in alcuni casi anestesia generale. Il dentista procede all’incisione della gengiva con il bisturi, elimina la parte di osso o radice del dente, rimuove l’elemento dentale e termina con la sutura della ferita. 
Prima di procedere all’intervento previa prenotazione del dentista online che ti risparmierà code e attese inutili, lo specialista ti accompagnerà in un adeguato percorso di preparazione. Esso consiste in un’accurata valutazione pre operatoria e in una serie di accertamenti volti alla diagnostica (radiografie panoramiche), all’anamnesi (informazioni su allergie, malattie, gravidanze, ecc.) e alla profilassi (cura antibiotica pre e post intervento per evitare infezioni). Questo permetterà all’odontoiatra di decidere come procedere per evitare complicanze.
 
Allora cosa aspetti?

Contatta uno dei nostri centri dentistici per un'estrazione del dente sicura e indolore!