Segnalazione di Errore

X
Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.
Privacy Policy Accetta e prosegui
Sei un dentista?

Come curare e prevenire la gengivite

La gengivite è causata di solito dalla placca batterica che si accumula intorno ai denti in prossimità della gengiva, che può provocare infezione con il tempo.

Caratteri disponibili: su 1000

I tuoi file:
  • X
  • X
  • X
Rating Lettori | Rating attuale: 5/5 (1 voti)
Vota!
La gengivite è un'infiammazione delle gengive che si gonfiano, diventano arrossate e doloranti e i denti, di conseguenza, sono più sensibili. Una patologia molto comune che spesso viene trascurata. Quando il caso di gengivite è lieve, ci si può anche non accorgersi di averla, infatti i sintomi possono essere minimi, in ogni caso è molto importante riconoscere ed affrontare in modo tempestivo il problema, per evitare conseguenze decisamente più gravi. La gengivite, infatti, se non viene curata può evolvere e diventare parodontite, una malattia infiammatoria grave che coinvolge le gengive e tutto l'apparato a sostegno del dente, che va ad intaccare l'osso e può portare, in casi molto gravi, alla perdita dei denti.

Quali sono le cause della gengivite 

La gengivite è causata di solito dalla placca batterica che si accumula intorno ai denti, Si tratta di un biofilm, ovvero di una sostanza che si accumula in maniera naturale sui denti e aderisce in particolar modo negli spazi fra i denti e in prossimità della gengiva. Quando la placca non viene rimossa, può trasformarsi in tartaro, una sostanza dura di colore giallo, che per essere rimossa, serve un intervento professionale, con l’igiene dentale. La placca e il tartaro irritano le gengive e con il passare del tempo causano l'infiammazione e provocano la gengivite.
 
Altre cause di rischio
 
Familiarità: chi ha in famiglia qualcuno che ha avuto una malattia di tipo paradontale ha un rischio maggiore di svilupparla. Fumo: i fumatori sviluppano più facilmente la gengivite e le malattie paradontali, rispetto ai non fumatori. Cambiamenti ormonali che si verificano durante le fasi della crescita della donna come: la pubertà, la menopausa, il ciclo mestruale e la gravidanza possono rendere le gengive più sensibili. Alimentazione: una cattiva alimentazione e una carenza di vitamina C, possono aumentare il rischio di gengivite. Età: il rischio di gengivite aumenta con il passare dell'età.
 

I sintomi della gengivite

In una bocca normale e sana le gengive sono di color rosa chiaro e aderenti al dente. In caso di gengivite i sintomi più comuni sono:
 
•  sanguinamento dalle gengive durante la pulizia dentale;
•  gengive rosse o viola brillanti;
•  gengive gonfie e morbide;
•  gengive tenere e dolorose al tatto;
•  maggiore sensibilità dei denti al freddo;
•  alitosi.
 

Qual è il trattamento per la gengivite?

La cura per la gengivite è decisamente semplice:l'igiene orale. Se la diagnosi è fatta in tempo e il trattamento è corretto, la gengivite si risolve rapidamente. Una seduta dal vostro dentista di igiene orale professionale proseguita a casa da una più precisa igiene orale sono normalmente sufficienti a risolvere il problema evitando aggravamenti. In alcuni casi vengono raccomandate due o tre sedute di igiene orale professionale e più controlli ravvicinati nel tempo. Grazie all'igiene orale professionale la placca ed il tartaro vengono rimossi completamente con strumenti specifici e innovativi come gli ultrasuoni. Può essere utile abbinare all'igiene professionale la laser terapia, che aiutare a bio-attivare la gengiva, disinfetta in profondità e favorisce la rigenerazione dei tessuti gengivali. Il dentista, inoltre, vi spiegherà come proseguire la terapia a casa e come evitare ricadute mostrando come utilizzare in maniera efficace lo spazzolino, lo scovolino, il filo interdentale e prescrivendo eventualmente un collutorio antibatterico.
 

Come prevenire la gengivite 

La gengivite può essere prevenuta in modo semplice con una corretta igiene orale, con spazzolamento, scovolino e filo interdentale. Inoltre vanno fatti controlli periodici dal dentista, la frequenza varia in base alle caratteristiche individuali, da un massimo di un controllo ogni 3 mesi, ad un minimo di un controllo all'anno. Normalmente è consigliato un controllo ogni 6 mesi. Durante i i controlli periodici. è opportuno effettuare un’igiene orale professionale, in questo modo eventuali gengiviti potranno essere trattate in modo tempestivo o, cosa più probabile, non si svilupperanno proprio.
 
I nostri studi odontoiatrici di Dentista for You sono selezionati, in quanto  specializzati nel trattamento della gengivite e nella diagnosi e nel trattamento della parodontite.
Vi aspettiamo da uno dei nostri dentisti per una visita di controllo ed un’igiene orale professionale, perché noi ci prendiamo cura del vostro sorriso!