Segnalazione di Errore

X
Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.
Privacy Policy Accetta e prosegui
Sei un dentista?

Prima visita odontoiatrica e diagnosi: le cose da sapere

La prima visita odontoiatrica in particolare, da effettuarsi all'età di 3-5 anni, è una tappa fondamentale per l'inquadramento diagnostico e per capire se un dentista è onesto e bravo.

Caratteri disponibili: su 1000

I tuoi file:
  • X
  • X
  • X
Rating Lettori | Rating attuale: 5/5 (3 voti)
Vota!
Tutti noi, inclusi i migliori dentisti di Roma (una volta tanto pazienti comuni) dobbiamo sottoporci a visite odontoiatriche regolari lungo tutto il corso della vita. Lo scopo è mantenere una bocca sana, prevenendo/risolvendo carie, malocclusioni, agenesie, parodontiti, etc. 

In senso assoluto, la prima visita odontoiatrica ha luogo nella prima infanzia. A cosa serve è presto spiegato: deve indagare lo stato della dentizione e la presenza (o prevedibile insorgenza) di anomalie: malocclusioni, carie (anche i denti da latte vanno curati!), agenesie (assenza congenita di uno o più denti), alterazioni scheletriche e fenomeni infiammatori delle strutture di sostegno. Mai saltare la visita odontoiatrica a quest’età: la mancata diagnosi precoce dei problemi sopra elencati renderebbe ben più difficile la loro successiva risoluzione!

Al termine dell’età evolutiva, bisogna dire addio al dentista per bambini per sostituirlo con un odontoiatra per adulti. Ecco quindi che ti attende un’altra prima visita odontoiatrica e diagnosi delle condizioni della tua bocca. Lo scopo è conservare la salute del cavo orale, che nell’età adulta può essere compromessa da carie, bruxismo, gengiviti, ingiallimento dello smalto dei denti, edentulia (perdita di uno/ più denti), etc. 

Ma come capire se il dentista è onesto e bravo e soprattutto se la prima visita è ad hoc?

Prima visita odontoiatrica: come si svolge?

 Qualunque prima visita finalizzata alla prevenzione nei bambini o a diagnosi di patologie odontoiatriche dell’età adulta dura in media 20-40 minuti. Diffida di dentisti che ti dedicano solo pochi minuti, limitandosi a sbirciare nella tua bocca: nessuna clinica dentale possiede una sfera di cristallo… Dal canto tuo, devi portare eventuale documentazione:
 
  • l’ortopanoramica e/o altri esami radiografici;
  • esami medici se soffri di alterazioni della coagulazione, malattie infettive, etc.
  • passaporto dell’impianto dentale se hai protesi.

 
Anamnesi

 Un dentista bravo esegue un’anamnesi scrupolosa, invitandoti a compilare una scheda con i tuoi dati (sii scrupoloso anche tu!) e valutando in particolare se sono presenti:
  • patologie sistemiche (in tal caso esamina la documentazione medica portata dal paziente);
  • allergie farmacologiche ad anestetici odontoiatrici e antibiotici;
  • paura del dentista;
  • farmaci assunti;
  • disturbi correlabili ai denti quali mal di schiena, russamento o cefalea;
  • rumori durante la masticazione e non, prodromici di disturbi temporo-mandibolari;
  • vizio del fumo, spesso corresponsabile di parodontite, denti ingialliti, etc.
 

Esame del cavo orale

 Segue poi l’ispezione obiettiva della bocca, durante la quale lo specialista del centro dentistico valuta:
  • stato della dentizione, ossia grado di usura, igiene del cavo orale, eventuale edentulia o agenesia, presenza di carie e tenuta delle eventuali otturazioni presenti, problemi ortodontici quali il diastema;
  • condizione delle gengive, per verificare l’assenza di sanguinamento, gonfiore, colorito troppo pallido (anemia) o iperemico per gengivite e parodontite, tasche gengivali (scollamenti patologici gengiva-colletto del dente causati da proliferazione batterica);
  • funzionamento/anomalie dell’articolazione temporo-mandibolare e conformazione mascella-mandibola-palato.
 

Esami radiografici

 Solitamente la prima visita odontoiatrica e la diagnosi da parte del dentista richiedono l’esecuzione di uno o più dei seguenti esami:
  • ortopanoramica: è l’esame radiologico standard. Oggi è perlopiù digitale, con bassissima esposizione alle radiazioni. Offre una visione d’insieme delle arcate dentali e delle annesse strutture ossee e articolazioni.
  • telecranio latero-laterale: lastre del cranio con visione laterale che permettono aimigliori dentisti di Roma di valutare l’equilibrio anatomico (e quindi la funzionalità) delle arcate dentali una rispetto all’altra e in rapporto alle strutture ossee adiacenti;
  • radiografie endorali pericapicali e bite wings: le endorali periapicali sono piccole radiografie che fotografano in dettaglio la struttura anatomica del singolo dente, dalla radice alla corona, includendo inoltre le adiacenti strutture di sostegno (parodonto). Solitamente si eseguono su gruppi di 3-4 denti per ogni rx. Anche le bite wings sono piccole radiografie, eseguite riprendendo a piccoli gruppi i denti di ambo le arcate ed evidenziando così con precisione le corone e le loro superfici interprossimali, ossia quelle fra dente e dente. Questa metodica è utilissima per individuare le carie occulte a carico di molari e premolari.
  • TAC Cone Beam 2D e 3D: è la TAC eseguita “a cerchio”, cioè a 360°, intorno alla testa del paziente, utilizzando fasci di radiazioni conici coi quali si ottengono sequenze da angoli prefissati che formano una ricostruzione accurata delle strutture anatomiche. In particolare la Cone Beam è impiegata prima di effettuare impianti dentali.
 

 Prima visita dentale e piano di cura

Se la prima visita odontoiatrica fornisce una diagnosi di bocca sana, il dentista prescrive un’igiene professionale semestrale con visita di controllo. Ambedue ti permetteranno quasi sempre di prevenire grossi (e costosi) problemi odontoiatrici.
 
Altrimenti ti verrà prospettato un piano di cura personalizzato. In questa fase l’odontoiatra davvero professionale mostra al paziente (o ai genitori se è un bimbo) cosa ha riscontrato e le soluzioni: impianti dentali, trattamenti ortodontici/endodontici, estetici, etc. completi di preventivo e tempistiche. E’ fondamentale inoltre che ti illustri eventuali soluzioni alternative, se ne esistono, con relativi vantaggi e svantaggi, nonché la possibilità di complicanze delle terapie odontoiatriche (comuni a tutti i trattamenti medici e chirurgici) spiegandoti cosa fare per minimizzare i rischi: ad esempio, per aumentare le possibilità di successo di un intervento di implantologia potrebbe invitarti a fare una seduta d’igiene preventiva.
 
In conclusione, ecco come deve svolgersi una prima visita odontoiatrica professionale. Non accontentarti di meno: prenota un dentista di Roma sul nostro sito, eviterai visite sommarie e diagnosi imprecise o nebulose. L’iscrizione a dentistaforyou ti offre anche convenzioni esclusive. Al momento di saldare la parcella infine puoi scegliere il pagamento agevolato con rateizzazione. Facile e veloce quello esclusivo per cure odontoiatriche della Deutsche Bank: anticipi fino a 20.000 € rimborsabili con comode rate fino a 60 mesi, sottoscrivibile direttamente dallo studio dentistico e accettato in 24 ore!